To SSD or not to SSD

Alla fine sono saltato sul carrozzone SSD, non l’avrei mai detto fino ad un paio di mesi fa.
Purtroppo il recente straparlare su tutti i siti che si sono occupati dei nuovi Air ha avuto un effetto psicologico su di me. Ho quindi deciso che era ora di rimpiazzare il lento e rumoroso disco originale del mio macbook pro. Alla fine lo scopo del cosidetto “hype” è proprio questo, indurre la percezione di obsolescenza verso oggetti perfettamente funzionanti per indurre a comprare il nuovo, più veloce, più necessario, più brillante, ci sono cascato.

Il negoziante dal quale mi fornisco ha tutta una lunga serie di SSD disponibili: Corsair, Apacer, Samsung, Intel, Crucial, OCZ ed infine Patriot Memory.

Dopo una lunga(?) serie di valutazioni tra cui prestazioni, prezzo/Gb, recensioni e sopratutto, compatibilità con OSX, ho optato per un Intel X25M G2, nel taglio da 80Gb, oltretutto a prezzo ridotto visto che gennaio saranno presentati i nuovi G3. Nel portatile non necessito di grandi quantità di spazio. Veramente ero interessato ai Crucial ma il taglio minore da 64Gb è veramente poco e quello appena superiore, da 128Gb, costa veramente una follia.

L’installazione non invalida la garanzia Apple ed è piuttosto semplice. Basta seguire la guida pubblicata da Apple stessa.

Il ripristino del disco è piuttosto semplice, almeno se avete un backup, ultimato il ripristino finalmente riparte il sistema. Già in fase di avvio si capisce che la differenza è profonda. Improvvisamente sembra strano stare di fronte al portatile e non sentire più alcun rumore meccanico, è anche strano sollevarlo e non sentire più il click della testina che si protegge dagli urti. Forse a parlare meglio di tutto sono i benchmark da xbench, so benissimo che si tratta di un tool superato, ma serve comunque a dare un’idea dell’incremento prestazionale.

Questi sono i benchmarks con l’originale Hitachi 5400rpm da 160Gb:

MacBook Pro 2009
Core2Duo 2.26GHz
4Gb Ram

  • 160Gb Hitachi HTS545016B9SA02
  • Disk Test 43.95
    Sequential 80.74
    Uncached Write 52.70 MB/sec [4K blocks]
    Uncached Write 42.25 MB/sec [256K blocks]
    Uncached Read 19.79 MB/sec [4K blocks]
    Uncached Read 51.74 MB/sec [256K blocks]
    Random 30.19
    Uncached Write 1.17 MB/sec [4K blocks]
    Uncached Write 22.06 MB/sec [256K blocks]
    Uncached Read 0.42 MB/sec [4K blocks]
    Uncached Read 18.35 MB/sec [256K blocks]

    Xbench Result: 123.983826

  • 80Gb INTEL SSDSA2M080G2GC
  • Disk Test 257.79
    Sequential 169.21
    Uncached Write 85.22 MB/sec [4K blocks]
    Uncached Write 76.11 MB/sec [256K blocks]
    Uncached Read 44.33 MB/sec [4K blocks]
    Uncached Read 209.55 MB/sec [256K blocks]
    Random 540.95
    Uncached Write 73.24 MB/sec [4K blocks]
    Uncached Write 78.91 MB/sec [256K blocks]
    Uncached Read 11.01 MB/sec [4K blocks]
    Uncached Read 148.64 MB/sec [256K blocks]

    Xbench Result: 195.71

Direi che c’è poco altro da aggiungere. Se state pensando di cambiare il vostro sistema perché vi sembra lento vi consiglio di investire i circa 150€ che ho speso io e provare un SSD. Ha molto più senso che spendere una somma elevata per un sistema nuovo.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *