Bolla in arrivo…

Quattro scappati di casa trovano soldi, beati loro e beati siano i venture capitalist, per sviluppare una fantastica applicazione, pensate che si possono caricare le proprie foto online e condividerle! Un concetto rivoluzionario.

Prima di quotare in borsa il proprio mondo digitale fatto di aria fritta e UGC (User Generated Content, di solito con un valore asintotico tendente a zero), un altro scappato decide di comprare summenzionata azienda, tale Instagram, che a sua volta ha fatto sviluppare il proprio prodotto di punta a tale Burbn Inc, della quale non si riesce a trovare uno straccio di informazione in rete.

Alla fine lo scappato di casa decide di comprare “una roba che condivide le foto” e firma un assegno di quasi un miliardo di dollari. Avete letto bene. Un miliardo.

Facciamo un conto veloce. Da varie fonti su internet si intuisce che, tra account finti e veri, ci sono circa 25 milioni di utenti. Prendiamo un miliardo, dividiamo per 25 milioni e ci troviamo grossomodo 40US$ per utente. Dunque, voglio capire se almeno 25 utenti hanno speso qualcosa di prossimo a quei 40US$, o se hanno fatto girare un ammontare di soldi pari a 40US$, almeno se hanno donato 40US$ a Instagram, o Burbn Inc che sia. Sicuramente ho fatto un conto molto rozzo, ma queste cifre esorbitanti che girano mi danno proprio l’idea che la social mania si risolverà con una bolla epica, proprio non riesco capire come queste aziende facciano i soldi che giustificano operazioni d’acquisto con queste cifre da capogiro.

Recentemente un riccone asiatico si è comprato il 43% di Proton, azienda automobilistica, con dei prodotti fisici, clienti veri, stabilimenti veri, giro d’affari scritto nero su bianco, il tutto per 410mln US$.

Da dotcoma poi leggiamo che un altro branco di scappati di casa, deciso ad offrire un servizio in stile airbnb per cani/gatti, ha tirato su 3.4mln US$ di fondi. Dev’essere tutta gente che non ha mai sentito la storia di pets.com.

Sempre più perplesso.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *