Dropbox, Google Drive, SkyDrive, iCloud, tutto per loro

Attualmente lavoro con 1 MacPro a casa, 1 Workstation HP salcavolochemodello con Windows 7, 1 iPad, 1 laptop-muletto ubuntu a casa.

Ad un certo punto sorge la necessità, del tutto legittima, di avere un servizio che sincronizzi, tra questa pletora di immondizia elettronica, alcuni archivi, magari documenti ai quali si accede spesso, roba sulla quale si lavora anche da casa :(, qualche file che ci si scarica in ditta e si vuole avere sul sistema di casa quando si torna dal lavoro e via dicendo.Tempo fa usavo Dropbox, tutto andava benissimo, è l’unico che supporta (o sOpporta?) anche linux, ma a luglio 2011 decisero di cambiare i termini del servizio, aggiungendo la simpatica frase:

By submitting your stuff to the Services, you grant us (and those we work with to provide the Services) worldwide, non-exclusive, royalty-free, sublicenseable rights to use, copy, distribute, prepare derivative works (such as translations or format conversions) of, perform, or publicly display that stuff to the extent we think it necessary for the Service.

Inutile dirlo, tempo 10 minuti cancellai l’account. Pochi giorni dopo Dropbox tornò sui propri passi ed ammorbidì la posizione ma per me era cosa fatta ormai.

Per alcuni mesi decisi di usare eXtplorer sfruttando questo stesso hosting ma la soluzione non è ottimale, e onestamente nemmeno tanto sicura visto che di https non c’è nemmeno l’ombra. C’era poi la trafila di scaricare il file, lavorarci, ricaricare online, ormai sono pigro 🙂

Questo stesso hosting fornisce anche la possibilità di avere un drive via WebDAV, ma ho sempre ritenuto quel sistema una vera ciofeca, lenta, instabile, inaffidabile, al pari di iDisk ai tempi di MobileMe/DotMac.

Oggi invece sembra che tutti siano lì a preparare servizi sulla nuvola, ma per me le nuvole sono troppe. Mi sono preso un po’ di tempo per leggere i termini di servizio per le quattro maggiori offerte correnti.

iCloud

Fonte: http://www.apple.com/legal/icloud/en/terms.html

Prima di tutto Apple si permette di buttare la vostra roba nel cestino qualora la ritenesse “opinabile”:

You acknowledge that Apple is not responsible or liable in any way for any Content provided by others and has no duty to pre-screen such Content. However, Apple reserves the right at all times to determine whether Content is appropriate and in compliance with this Agreement, and may pre-screen, move, refuse, modify and/or remove Content at any time, without prior notice and in its sole discretion, if such Content is found to be in violation of this Agreement or is otherwise objectionable.

Insomma, nell’eventuale ipotesi che io decida, per pura curiosità leggere il Manifesto di Unabomber, Apple potrebbe decidere di cancellarmi il file semplicemente perché, per loro, potrebbe essere “opinabile”. Andiamo avanti:

Except for material we may license to you, Apple does not claim ownership of the materials and/or Content you submit or make available on the Service. However, by submitting or posting such Content on areas of the Service that are accessible by the public or other users with whom you consent to share such Content, you grant Apple a worldwide, royalty-free, non-exclusive license to use, distribute, reproduce, modify, adapt, publish, translate, publicly perform and publicly display such Content on the Service solely for the purpose for which such Content was submitted or made available, without any compensation or obligation to you.

Decisamente notevole, “noi non ci prendiamo i diritti, ma se carichi materiale in area pubblica o lo condividi con altri utenti ci riserviamo la possibilità di fare quello che ci pare”. Il concetto è rimarcato con:

You understand that in order to provide the Service and make your Content available thereon, Apple may transmit your Content across various public networks, in various media, and modify or change your Content to comply with technical requirements of connecting networks or devices or computers. You agree that the license herein permits Apple to take any such actions.

C’è poco da essere confusi insomma.

SkyDrive

Fonte: http://windows.microsoft.com/en-AU/windows-live/microsoft-service-agreement

Le differenze non sono molte, non si permettono di cancellare nulla o di controllare:

Except for material that we license to you, we don’t claim ownership of the content you provide on the service. Your content remains your content. We also don’t control, verify, or endorse the content that you and others make available on the service.

Anche con Skydrive però vale la strana logica che, in caso si decida di condividere alcuni contenuti pubblicamente, o con altri:

You control who may access your content. If you share content in public areas of the service or in shared areas available to others you’ve chosen, then you agree that anyone you’ve shared content with may use that content. When you give others access to your content on the service, you grant them free, nonexclusive permission to use, reproduce, distribute, display, transmit, and communicate to the public the content solely in connection with the service and other products and services made available by Microsoft. If you don’t want others to have those rights, don’t use the service to share your content.

Troviamo anche il consueto:

You understand that Microsoft may need, and you hereby grant Microsoft the right, to use, modify, adapt, reproduce, distribute, and display content posted on the service solely to the extent necessary to provide the service.

Non si scappa nemmeno qui insomma.

Google Drive

Fonte: http://www.google.com/policies/terms/

Google ha recentemente unificato i propri di termini di servizio per le varie applicazioni, che sia Gmail, Documents, Calendar, Drive e allegra compagnia.

Come per iCloud anche qui sembra che ci sia un harvesting dei dati:

Our Services display some content that is not Google’s. This content is the sole responsibility of the entity that makes it available. We may review content to determine whether it is illegal or violates our policies, and we may remove or refuse to display content that we reasonably believe violates our policies or the law. But that does not necessarily mean that we review content, so please don’t assume that we do.

Improvvisamente però uno spiraglio di luce:

Some of our Services allow you to submit content. You retain ownership of any intellectual property rights that you hold in that content. In short, what belongs to you stays yours.

Ma subito dopo:

When you upload or otherwise submit content to our Services, you give Google (and those we work with) a worldwide license to use, host, store, reproduce, modify, create derivative works (such as those resulting from translations, adaptations or other changes we make so that your content works better with our Services), communicate, publish, publicly perform, publicly display and distribute such content. The rights you grant in this license are for the limited purpose of operating, promoting, and improving our Services, and to develop new ones.

Come se non bastasse:

This license continues even if you stop using our Services (for example, for a business listing you have added to Google Maps). Some Services may offer you ways to access and remove content that has been provided to that Service.

Dropbox

Fonte: http://www.dropbox.com/terms

Dropbox usa un linguaggio molto più semplice, ma stranamente, la mia impressione è che i concetti siano molto meno chiari rispetto agli altri servizi:

You retain full ownership to your stuff. We don’t claim any ownership to any of it. These Terms do not grant us any rights to your stuff or intellectual property except for the limited rights that are needed to run the Services, as explained below.

We may need your permission to do things you ask us to do with your stuff, for example, hosting your files, or sharing them at your direction. This includes product features visible to you, for example, image thumbnails or document previews. It also includes design choices we make to technically administer our Services, for example, how we redundantly backup data to keep it safe. You give us the permissions we need to do those things solely to provide the Services. This permission also extends to trusted third parties we work with to provide the Services, for example Amazon, which provides our storage space (again, only to provide the Services).

To be clear, aside from the rare exceptions we identify in our Privacy Policy, no matter how the Services change, we won’t share your content with others, including law enforcement, for any purpose unless you direct us to. How we collect and use your information generally is also explained in our Privacy Policy.

Sembra tutto più chiaro, ma solo in apparenza, da nessuna parte si chiarisce il concetto di “do things” e “your stuff”.

In sintesi

Ciò che è tuo è tuo, ma è anche mio. La soluzione ideale sarebbe avere la nuvola, insomma il servizio, in casa, magari su un piccolo NAS con un dominio fisso e un DDNS impostato, bisogna però essere pratici di port-forwarding sul proprio router, firewall, avere una ADSL decente (specie in upload) ma sopratutto avere un servizio di sincronizzazione decente, ho provato Cloud Station sul mio NAS ma semplicemente non funziona, oltre a non supportare iOS e Linux.

Ci sono poi gli aspetti pratici della cosa. Ad esempio creo a casa un documento su Pages che poi salvo su una cartella nuvolosa, tipo Dropbox. L’iPad vede benissimo il file ma non ci può fare niente, se non visualizzarlo. Dal momento in cui si sceglie di aprirlo con Pages su iOS il vecchio file smette di essere usato e diventa un file su iCloud, file che ovviamente è apribile solo da Pages, Mac o iPad che sia, non comparirà nemmeno nell’elenco dei file disponibili sul Mac, è un file che si potrà manipolare solo dall’applicazione Pages, in sintesi, il file è sulla nuvola ma legato all’applicazione e basta. Naturalmente si potrebbe obbiettare che, dal momento che uno sceglie di usare Pages, avere il file in condivisione con sistemi Windows o Linux non ha nessun senso, visto che si è scelto, volontariamente, di confinarsi nel recinto, o trappola se preferite, accuratamente predisposto da Apple.

Con Skydrive invece è possibile creare un documento Word, Excel o Powerpoint con le applicazioni web, gratuite, offerte da MS, fattore da non sottovalutare, anche se leggermente limitati nelle funzioni. Ma il file è visibile, esiste, lo posso spostare, cancellare, editare anche con quella ciofeca di OpenOffice, insomma è un file qualunque, scordatevi però di usare l’ipad per modificare i documenti. E’ un recinto/trappola meno restrittivo, ma pur sempre chiuso, magari con Windows 8 e relativo Surface si capirà meglio la struttura del giardinetto di MS.

Discorso simile per Google Drive, con la differenza che il documento, foglio di calcolo, o chi per lì, non sono dei file ma dei link che portano il browser a Google Documents.

Nessun servizio è migliore di altri quindi, si tratta, come al solito, di capire quale strumento sia il più adatto per le proprie necessità. C’è chi offre “solo” 2Gb, chi 7gb, chi non vi guarda i dati, chi se ne prende i diritti, chi ve li cancellerà e chi non supporta questa piattaforma piuttosto che l’altra.

Personalmente tornerò a cercare un’applicazione web, di questa roba non ho bisogno.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *