Google Reader, the end. Forse.

Google Reader chiude, lo riportano tutti i siti. Sulle motivazioni non ho molto da dire, semplicemente, a mio parere, è un palese tentativo di popolare Google+, servizio che proprio stenta a decollare (Wave? Buzz?).

In ogni caso, è pur sempre vero che gli RSS non sono mai stati popolarissimi, anche se per molti sono realmente utili, a me ad esempio. L’unico neo è che tutti questi servizi richiedono un’iscrizione, una login, una password, insomma il solito giro e semplicemente non mi va di impostare tutto e tantomeno ricevere altro spam, fornire altri dati per i signori profiler et cetera.

Mi sono messo quindi alla ricerca di qualche alternativa a Google Reader che si possa hostare in proprio e le alternative sono ricadute su:

Dunque, il primo problema è che tutti, nessuno escluso, richiede la schedulazione di un job (magari su cron) che si occupi di fare il refresh dei vari RSS, questo già basta ad escludere il mio hosting che, ovviamente, non mi concede i grant per avere job schedulati. La scelta ricade quindi sul NAS casalingo, con Apache, PHP e MySQL, il solito stack LAMP insomma.

Tiny Tiny RSS è quello più gradevole esteticamente, purtroppo non sono mai riuscito a far andare il demone di auto aggiornamento dei feed ma, sopratutto, è eccessivamente pesante per il processorino del mio NAS. Escluso.

Selfoss è piacevolissimo, l’installazione è veramente triviale e funziona tutto e subito, unico neo è il prodotto stesso, troppo povero in alcune funzioni, ad esempio i feed sono categorizzati solo da tag, non si possono vedere in un comodo elenco separato per source, come appunto Google Reader, è un peccato perché è veramente leggerissimo sul NAS, richiede pochissime risorse.

Rimane quindi RSS Lounge, l’installazione è ancora ovvia e le istruzioni sul sito riportano tutto. Leggermente pesante sul NAS ma non abbastanza da rendere il servizio inutilizzabile, manca anche di alcune funzionalità ovvie, ad esempio marcare come letto un articolo che è stato aperto, ma in ogni caso è un’ottima alternativa, almeno mentre si aspetta che qualche progetto FOSS spunti dal nulla.

Update: Dopo nemmeno una settimana ho deciso di lasciar perdere RSS Lounge e tornare a Selfoss, semplicemente la pesantezza di esecuzione di RSS Lounge è troppa per il mio NAS. Altro punto a favore di Selfoss è l’interfaccia adatta a dispositivi mobile, rende molto più semplice la consultazione dei propri feed da tablet e telefono.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *