Linux in ufficio come desktop, finally!

Sono quasi dieci anni che aspettavo questo momento, l’ora è giunta di salutare windows come desktop da lavoro.

Uno dei motivi che mi ha sempre costretto a mantenere windows sul pc da lavoro è stato Toad, software che uso da anni e non saprei veramente farne a meno come IDE per sviluppo su DB Oracle. Finalmente ho trovato una validissima alternativa. Aquafold Data Studio, un software veramente scritto bene, finalmente qualcuno decide di fornire software di qualità in ambiente linux e non le solite GUI inguardabili, file di configurazione che sembrano più rumore di trasmissione che qualcosa scritto da umani, stabilità opinabile e via dicendo, tutto perché solitamente questo genere di software è scritto da programmatori e per programmatori. Finalmente il trend inizia a cambiare.

Altra valida ragione è sempre stata Ultraedit, un editor di testo veramente insostituibile per chi campa di IT, la versione linux è qualitativamente elevata come la sua controparte windows e non ci sono scuse per non comprarlo.

Netbeans e Monodevelop sono multi-platform da sempre, pochi problemi qui.

Rimane Office naturalmente, azienda che vai e Office che trovi, purtroppo. In ogni caso il trend sembra che diventerà Office 365 e quindi basterà un browser, per tutto i resto del mio lavoro con excel/word può tranquillamente bastare libreoffice.

Finalmente!

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *