Ancora su PRISM, Snowden, NSA…

Ora ad arrabbiarsi sono i francesi [Le Monde, english edition], qualcosa come 70 millioni di telefonate sembrano essere state “intercettate”.

Il virgolettato però è d’obbligo. Mi riesce difficile credere che tutto sia stato fatto all’insaputa del governo francese (o tedesco, canadese, brasiliano), la mia opinione è che il coro di proteste, quelle ufficiali itendo, abbia un retrogusto d’ipocrisia, lo scopo è ovviamente salvare la facciata d’innanzi all’opinione pubblica (nonché elettorato) del proprio paese.

Se invece, come mi auspico, sia una vera e propria operazione di spionaggio gli scenari cambiano, di parecchio. Nel caso specifico della Francia (e Germania), chi ci dice che le “intercettazioni” siano state effettuate solo a scopo di protezione contro il terrorismo? La prima che mi viene in mente è la guerra in corso, da anni, tra Boeing ed Airbus, lo spionaggio industriale a vantaggio delle proprie industrie mi pare un ottimo motivo, se invece si trattasse delle aziende automobilistiche? Dell’industria petrolifera? (vedi spionaggio a danno di Petrobras in Brasile). Energia? Macro Economia? 😉

Chiunque sia andato nei Burger States of America ha compilato l’esilarante moduletto del “Homeland Security”. Ci viene domandato se siamo drogati, se abbiamo mai commesso crimini di turpitudine morale, se siamo spacciatori, terroristi o anche solo se ci va di piantare una scorreggia a Times Square, o peggio fumare una sigaretta all’aperto. Nel caso rispondiate SI ad almeno una domanda potrebbero anche vietarvi l’ingresso. Grazie per farmelo sapere ora che sono a meno di due ore dall’aeroporto JFK, tutto questo per farvi capire quanto ci tengono a proteggersi dal resto del mondo.

Quello che mi chiedo io invece è molto semplice. Quali ragioni avrebbe una nazione violata da questa rete di spionaggio telematico per non considerare queste operazioni come una vera e propria violazione della propria sovranità, se non peggio, un autentico atto di guerra? Scommetto il braccio destro che se il processo fosse successo, ad esempio, dalla Russia verso gli US non ci sarebbe stata una così blanda risposta della diplomazia internazionale.

A mio parere, il semplice fatto che tutto il castello di carte sia caduto grazie ad una sola persona (eroica), fa pendere l’ago verso la teoria della complicità tra i vari stati e governi, mi sembra molto strano (nonché complesso) violare così facilmente una rete telefonica estera per ascoltare quello che si dicono normali cittadini.

Guardo sempre con più sospetto il mio mac, diffido sempre più di vari servizi online (specie Google), forse dopotutto le elucubrazioni mentali di Stallman non erano così tanto folli.

Letture consigliate: