eBay hack, niente da vedere

Il database di eBay è stato compromesso di recente, da un articolo su ArsTechnica si legge che è la solita tecnica del compromettere account dei dipendenti, la solita sindrome di Fort Apache insomma, ci si protegge contro tutto dal di fuori ma il problema è sempre dentro la propria struttura.

Come si legge nel comunicato di eBay “Financial and credit card information was apparently not affected as it is “stored separately in encrypted formats.”

Bullshit, pura bullshit.

Oggi come oggi qualunque informazione è di carattere finanziario. Si possono dare (o subire) tante fregature anche solo avendo indirizzo, telefono, nome e cognome di una persona. Provare (o subire) per credere.

Il problema serio è proprio questo. Ogni database utenti/clienti che ho visto contiene in formato criptato solo i dati finanziari o password degli utenti. Invece tutti i dati utenti dovrebbero essere in formato criptato, compreso indirizzo, telefono, età, data di nascita, tutto quanto, nemmeno gli operatori di ebay dovrebbero poter vederli ma se fosse così come potrebbero le varie aziende passare ore e ore ad analizzare il proprio customer database per poter spammare e scambiare dati con altri…non lo accetterebbero mai.

 

Apple, un desktop, per favore

iMac or Mac Pro.

Ci sarebbe anche il Mac mini ma non ne ho mai trovato un senso. Il MacPro, in un ambito casalingo non ha proprio senso ed un prezzo proibitivo.

Rimane solo l’iMac, già avuti in passato ma alla lunga non ho resistito con il display lucido ed il singolo disco fisso, all’epoca gli SSD erano troppo cari e poco diffusi, avevo optato per un MacPro (quando i prezzi erano ancora umani) e vivevo felicemente, fino a quando per lavoro non è dovuto diventare un MacBook che è veramente perfetto per quel che devo fare (java, sql, unix, virtual machines e compagnia).

Rimane solo un problema, il gaming occasionale che con il MacBook proprio non s’ha da fare. Per quanto sia valido il lavoro fatto da intel con i chipset Iris semplicemente non funzionano con i giochi, basta un semplice anti alias a 2x ed ecco che il sistema si scalda tantissimo. Continue reading Apple, un desktop, per favore

Yahoo, we will track you

Da Ars Technica:

Yahoo yesterday announced that it will stop complying with Do Not Track signals that Web browsers send on behalf of users who wish to not be monitored for advertising purposes.

Ma che strano. E’ proprio strano che il Do Not Track sia del tutto ignorato da quasi tutti.

Per quanto mi riguarda non uso yahoo da anni, ora mi hanno convinto a fare due click e toglierlo del tutto dal browser. Addio.

In ogni caso hanno ottenuto quello che volevano, che si parlasse un po’ del loro ormai defunto…stavo per scrivere portale, ma è antico, non saprei nemmeno definire yahoo.