Italia e tecnologia

Il rapporto degl’italiani con la tecnologia è un problema culturale.

in Brasile, nel 1985, iniziai a programmare a scuola. con dei vecchi apple II. Logo e basic. Fino al 1990, data del mio sventurato trasloco in italia. niente programmazione fino al 1993 quando a scuola s’iniziò con il pascal. primo mondo.
poi l’università, ingegneria informatica ovviamente. siamo già nel ’96. un po’ di C, un po’ di matlab, fortran e tutta programmazione “astratta”. analisi numeriche, algoritmi per trovare lo zero di una funzione e tutta robaccia priva di qualunque senso, c’era l’esplosione del web in quel periodo ma nemmeno un vago accenno a cosa sia apache, http, a come mettere in piedi un database su un server, ma guai a me a non saper dimostrare le equazioni di Maxwell. (se già l’ha fatto lui che cazzo lo devo fare io a fare?)
giusto un corso, validissimo ma comunque troppo teorico, di basi di dati e qualche cenno su intelligenza artificiale, il resto è stato tempo sprecato, come dover ripetere in tre esami diversi che un hardisk ha le tracce, settori, cilindri, tempi di accesso e idiozie simili.
veramente tempo e fatica sprecati, il luogo dove il facile diventa difficile attraverso l’inutile diceva un mio amico. la cosa più importante che mi è rimasta non era sui libri, ma è il metodo. se una cosa non la so c’è di sicuro al mondo un libro che la spiega, continua a sbatterci il cranio e ti entrerà in testa, questa è l’unica cosa che mi è rimasta dell’università. non è roba da poco ma, in ogni caso, niente di vendibile su un cv. Continue reading Italia e tecnologia