Filtrare pubblicità con linux e un raspberry, bricolage per nerds

Sempre più tracciati, osservati e, alcune volte, anche perseguiti.

Se ci capita di cercare un prodotto su Amazon, ebay o chi per esso quante volte notiamo l’annuncio dello stesso prodotto quasi ovunque? Andiamo sul sito di un giornale, anche straniero ed eccolo lì, l’annuncio dello spazzolino elettrico che cercavo. Mi perseguiterà almeno per un mese.

Oppure vado su un giornale qualsiasi ed ecco gli annunci di incontri, compra casa, acquista auto e via dicendo.

Usando un computer ci si può difendere con adblock (anche se di recente hanno aperto un “servizio”, a pagamento naturalmente, per consenstire alcune pubblicità), ghostery, ublock origin e altri.

Molto peggio con i telefoni, tablet o smart tv dove (che casualità!) non si possono installare i plugin summenzionati se non con limitatissime funzionalità.

Naturalmente nessun governo ha ancora deciso di legiferare in materia quindi tocca fare da sè.

Sfruttando un’idea che esiste da tempo e ispirato da progetti interessanti ho deciso di mettere il cappellino da nerd e dedicarmi al bricolage digitale per risolvere, o quanto meno ridurre, il fastidio.

L’idea è in giro da tempo, si tratta di scaricare una lista di domini conosciuti per l’advertising e filtrarli a livello DNS, ridirezionando la richiesta ad un server locale che restituirà un’immagine GIF trasparente di 1 pixel.

Armato quindi di un raspberry (ma si può usare un qualsiasi PC con linux) mi sono dedicato a scrivere i passi necessari e relativo software per monitorare le statistiche, trovate tutto su un mio repo in github con le dovute istruzioni.

Fatto tutto si ottengono risultati davvero buoni. Interessante notare come in un giorno soltanto ci siano circa 2000 richieste DNS che vanno ad advertisers. Navigando in due persone.

total_ads_day

Ora però la domanda sorge spontanea.

Com’è possibile che, da solo ed in pochi giorni e con un device da 76€ (spedizione inclusa), riesca a filtrare quasi 2000 richieste di advertisers al giorno mentre il mio modem/router da quasi 200€ non può farlo?

Non mi piace pensare ai complotti e non giro per casa con un cappello d’alluminio ma non riesco a non ricordare che “pensare male è peccato, ma spesso ci si azzecca”.

advertising_gone

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *