Professionisti: Fuga da Apple

Tempi duri per gli utenti Apple.

Utenti Apple intesi come utenti di computer e non gadgettomani all’inseguimento del nuovo telefono o tablet, i device perfetti e ormai pensati per poter correre dietro a Mario o catturare qualche mostriciattolo nel giardino di casa. Cose importanti insomma.

Non è un segreto che Apple abbia unificato le divisioni iOS e MacOS (OS X) e non è nemmeno un segreto che le risorse dedicate allo sviluppo dei sistemi operativi desktop siano sempre meno.

Lo stesso dicasi per gli sforzi profusi alla piattaforma Mac in generale. Sempre meno desktop, portatili sempre meno innovativi, hardware sempre più blindato, saldato, datato e con prezzi che ormai sono difficilmente giustificabili.

Fino a 3/4 anni fa il gap di 500/800€ con un corrispettivo Windows era giustificabile, quasi esclusivamente per colpa del sistema operativo. La piattaforma di Redmond era veramente in uno stato terribile, sempre più avvitata in una spirale di bug, difetti, interfacce inutilizzabili (windows 8 docet) e poca voglia di innovare.

Il retaggio di Ballmer insomma.

Leaders, leaders, leaders

Poi tutto è cambiato. Apple ha perso il suo leader e Microsoft ha cacciato il suo. Per alcuni aspetti si può dire che se li siano scambiati perché Cook ha tutta la mentalità da “ragioniere” di stampo Ballmer mentre Nadella spinge in là la visione del “cosa possiamo innovare” e “cosa si può rifare o semplificare”.

Apple ha logicamente concentrato tutti i suoi sforzi nella piattaforma che più genera guadagni, iOS. A Redmond invece hanno preso una grossa capocciata contro il muro con Windows Phone e ci si concentra di nuovo nei computer.

I risultati sono evidenti. Il nome OS X è morto ed è ritornato MacOS, ma ormai è sempre più statico nelle idee e sempre più un accessorio, un appendice, verrebbe da pensare quasi “disgraziatamente”, necessario al funzionamento degli iDevice.

Microsoft invece sta provando a ridefinire i computer che, così come li conosciamo, non cambiano sostanzialmente forma ed utilizzo da 30 anni. Il successo dei sistemi Surface ne è la prova.

Hardware

Il capitolo più doloroso per Apple. Ogni presentazione dei nuovi Macbook (Pro o meno) ed iMac è stata una delusione negli ultimi 4 anni.

Nessuna menzione invece per MacPro o Mac Mini, pare che quei computer siano destinati alla scomparsa. Tanto scarso è l’interesse che ormai non se ne fa menzione in nessuna comunicazione ufficiale Apple per il futuro.

Delusione anche perché i sistemi sono completamente saldati, non aggiornabili e, ancora peggio, sempre più datati. Processori indietro di una generazione (quando non due o più), oltretutto a prezzi da boutique di lusso che ormai sono sempre meno giustificabili.

Alcune piattaforme invece retrocedono a livello tecnico, penso al Mac Mini che non si può più avere con un i7 quad core e come conseguenza nel mercato dell’usato un Mini del 2012 si può pagare più caro di uno con un anno di età.

Idem per il MacPro. Può capitare di pagare più caro un MacPro 2010 di un modello 2013 con meno anni alle spalle. Si paga l’espandibilità che, nella versione cilindro, è un retaggio del passato. Tutto si può (e si deve) collegare con dongles, cavi, adattatori ed alimentatori.

La spirale è talmente in declino che i nuovi MacBook Pro non hanno nemmeno ottenuto il bollino di approvazione di Consumer Reports per via del consumo eccessivo della batteria.

Apple ha risolto il problema brillantemente disabilitando l’indicatore di durata stimata della batteria allegando che non è un dato preciso.

Successivamente hanno rilasciato una patch per Safari che dovrebbe risolvere il problema. Fatto sta che l’indicatore per la batteria non è tornato.

Eppure quella funzionalità era lì dai tempi dei primi iBook e pare che sia sempre stata “attendibile”. 😉

Anche la connettività ne ha fatto le spese. Apple vuole convincerci, a tutti i costi, che levare porte di connessione sia un giusto sacrificio in nome di qualche grammo in meno e qualche mm levato.

Nulla di più sbagliato. Questa è una pubblicità Apple dell’epoca Mac Vs Pc:

Questa invece è la vita di oggi con dongles, adattatori, caricatori, alimentatori, convertori, moltiplicatori, hubatori. Tutti in vendita per soli 39,99€. Cosa sono 39,99€ quando si può collegare una Micro SD:

C’è poi la mancanza di idee. Tutto è statico. Uno sguardo non attento non riesce a trovare molte differenze tra un MacBook Pro del 2010 ed uno del 2016.

La barra led è un ridicolo tentativo di far passare un’idea ergonomicamente sbagliata come l’ultimo ritrovato dell’interazione uomo-macchina.

E funzionano pure male, pare. In rete si trova più di un video che evidenzia problemi alle GPU dei modelli top di gamma. Si risolverà, come al solito, tirando al ribasso il clock e le prestazioni delle GPU.

Software

Altro brutto capitolo. MacOS è sempre più arenato nelle idee, sempre più esoso di risorse tanto che gli SSD opzionali sono ormai un (costoso) obbligo.

Sempre più risorse vengono dedicate alla creazione automatica di album fotografici, riconoscimento facciale, bottoni per condividere a qualche social network e via di questo passo.

Sempre più programmi vengono “semplificati” (o meglio, castrati nelle sue funzioni) per “armonizzarle” con l’esperienza su iOS. Basta vedere quanto accaduto alla suite iWork.

Altri software invece sono del tutto scomparsi, penso ad esempio ad Aperture. Per la serie, piuttosto che dedicare sviluppatori ad Aperture preferisco mandarli a disegnare Emoji e lasciare il mercato ad Adobe.

Idem per Safari. Mi trovo ad aggiungere sempre più eccezioni al codice Javascript solo per Safari. Sembra quasi che sia diventato il nuovo Internet Explorer.

Prezzo

Fino al 2014 la differenza di prezzo tra un sistema Windows e Mac, a pari specifiche, girava intorno al 50-60% del prezzo del sistema Windows.

Quindi i 1000€ di un HP all-in-one con Windows 7 (che da usare era un incubo) diventavano 1600€ di un iMac. Per i portatili la differenza era leggermente superiore.

Ora invece a Cupertino hanno perso ogni vergogna.

Workstation da tavolo come le ultime HP Z2 Mini costano circa un terzo di un MacPro.

Lo stesso iMac che quattro anni fa costava 1600€ ora ne costa circa 2800€. A parità di specifica.

La differenza con un sistema windows è oggi di oltre il 200% del prezzo e se prima si poteva giustificare con il software oggi invece non è più possibile.

Se invece il sistema desktop ce lo si costruisce da soli la differenza è francamente assurda, nell’ordine del 300%.

Windows 10 è (finalmente) un sistema valido e con idee innovative. MacOS è rimasto al palo e le uniche novità appartengono alla sfera dell’interazione con gli iDevice.

Manutenzione, aggiornabilità e costo a lungo termine

Apple declassa i suoi prodotti a “vintage” dopo 5 anni. Vintage significa che Apple non fornirà più assistenza, hardware o software che sia.

Un conto veloce:

3000€ per un iMac i7, 16Gb Ram, 256 SSD. Dopo 5 anni non ho più assistenza e vorrei forse cambiarlo anche per stare al passo. Supponiamo quindi di venderlo a 1500€. Rimangono 1500€ per 5 anni, 300€ all’anno di “noleggio” insomma.

Dopo 7 anni invece diventano “obsolete”, il che significa che nè Apple, nè i suoi Service Providers avranno parti di ricambio, a meno che non sia rimasta in magazzino da qualche parte ed in questi casi i prezzi sono astronomici.

Un affare per i professionali che non possono permettersi di stare fermi a lungo in caso di malfunzionamento.

Sempre che il pezzo sia sostituibile inoltre. La Ram è saldata. I dischi anche e ormai non si tratta nemmeno di schede M2 ma di chip sparsi e saldati. Stesse considerazioni per la GPU. Nemmeno le batterie ormai sono “user changeable”.

C’è poi da aggiungere al conto il costo degli adattatori comprati nel corso degli anni che ormai sono del tutto inutili. Io ho adattatori FireWire -> USB, Thunderbolt -> DVI, Thunderbolt -> LAN e per fortuna non sono entrato nella spirale USBC.

Tutta roba che finisce inesorabilmente nella spazzatura. Un favore all’ecologia.

Siete ancora convinti che, nel 2017, un mac sia ancora un valido acquisto?

La resa dei conti

L’utenza professionale è quella che ha “sdoganato” la piattaforma Mac nelle aziende.

Grazie a quella gli sviluppatori hanno visto crescere la massa critica che giustifica lo sviluppo di software dedicati alla piattaforma Mac.

Sempre grazie a quella massa critica le aziende hanno iniziato ad integrare i sistemi Apple nelle infrastrutture, all’inizio solo per il manager snob di turno, poi per chi se lo portava da casa ed infine lo offrono come equipaggiamento allo staff.

Apple, nella sua superbia e altezzosità, sembra aver dimenticato questo e volta le spalle a chi l’ha portata dove sta oggi.

Mi torna in mente uno degli ultimi concerti dei Sex Pistols. Hanno suonato solo “No Fun” e Johnny Rotten ha chiuso con “Ever get the feeling you’ve been cheated?”

Linux server e GUI

La storia infinita. Sono stati versati fiumi di byte sulla questione che, per certi versi, assume connotazioni da autentico dogma di fede.

Basta solo fare un giro sulla documentazione ufficiale ubuntu [ubuntu help] per vedere che, ancora nel 2014, i sistemisti ostinati alla linea di comando non mollano la presa e arrivano ufficialmente a sconsigliare l’instalazione della GUI su un server. Insomma sembrano diffidare sulla stabilità e qualità del prodotto sviluppato da loro stessi.

Vediamo i punti che loro sostengono per motivare le loro fisime:

You’ll have more code subject to security vulnerabilities, more packages that need updating, and more server downtime.

Concordo sulle vulnerabilità ma solo in parte. Ad accedere fisicamente alla GUI saranno solo i sistemisti del caso e se qualcuno che non doveva accedere ci è riuscito direi che il problema è altrove. D’accordo invece sulla quantità di pacchetti da mantenere.

Sono completamente in disaccordo sul server downtime. Mai avuto un downtime, nemmeno di 1 minuto, per via della GUI o dei suoi aggiornamenti. Semmai il contrario, mi è toccato invece perdere parecchio tempo con qualche server che non aveva la GUI e dover installare poi un pacchetto che invece richiedeva una GUI per l’installazione. C’era la possibilità di installare tutto con un file di configurazione (da scrivere a mano naturalmente). Ci sarà gente che si diverte a fare queste cose. Evidentemente hanno molto tempo da perdere.

Performance may suffer because resources (memory, hard disk space, CPU, etc.) will be consumed by the GUI.

Questa è un’autentica fesseria.

  • Primo, il costo dell’hardware oggi è veramente ridotto al minimo e se non è un server fisico è una virtual machine. In entrambi i casi la GUI non pesa quasi per nulla sulle richieste hardware. Certo, c’è gente che crede che un Raspberry Pi possa assumere le connotazioni di “server”, ma se una macchina che deve fare da server non è in grado di eseguire nemmeno Xfce o LXDE mi chiedo seriamente che server possa essere, almeno che non si tratti dei soliti immondezzai che riciclano il PC usato dalla segretaria e decidono di trasformarlo in server. Senza RAID, senza alimentazione ridondante, senza doppia scheda di rete, senza nemmeno una lontana parvenza di certificazione per stare in una sala server degna di questo nome, ma vuoi mettere, ha su una distro “server” e due share SMB e sshd, ergo è un server.
  • Secondo, non si sta sempre a lavorare sul server attivamente. Un server si mette in piedi, si configura il backup, i servizi e fine della storia. Ci si dimentica che esiste fino a quando non urla per qualche ragione. Non ci si collega al server per giocare a Quake, chattare su IRC e nemmeno per cazzeggiare con gli effetti di compiz. Il peso della GUI è quindi nullo tranne per quel mezzo percento di cpu che può consumare quando ci si collega a fare qualche attività.
  • Terzo, lo spazio su disco. Una distribuzione ubuntu server con il full desktop occupa meno di 10Gb. E una volta installata la GUI ci si può sempre disfare dei pacchetti inutili come Libreoffice, Gimp, Shotwell o chi per li. Basta usare apt-get.

It is best practice to only install needed software on a production server.

D’accordissimo, ma io faccio rientrare nel campo del “needed software” anche tutto ciò che mi fa risparmiare tempo e una GUI fa proprio parte di questo ambito.

The GUI may include other network services that are inappropriate for a server.

Basta disabilitare i servizi anche se per mia esperienza non so bene quali servizi offra una GUI che non siano appropriati per un server. Nella documentazione si fa il caso specifico di avahi-daemon, basta disabilitarlo anche se a me non ha mai dato nessun problema.

If you’re using an Ubuntu LTS release prior to 12.04 LTS, X11 and desktop packages are not supported for the full 5 year lifecycle of the LTS server release.

Vale sempre quanto scritto prima. Al server hanno accesso solo le persone che devono avere l’accesso. Se non è questo il caso il problema è decisamente ad un altro livello e non quello della stabilità o sicurezza dei pacchetti.

Il problema di fondo è sempre lo stesso, i sistemisti oltranzisti, i linuxiani atavici, i cantinari insomma. Il mondo loro è rimasto ancora immutato con la linea di comando che è sempre utilissima e a volte l’unica risorsa. Ma il concetto non cambia, la linea di comando, una GUI o un tool qualunque d’amministrazione remota sono solo strumenti e, come tutti gli strumenti, sono neutri e per ogni attività c’è uno strumento che fa al caso.

Linux in ufficio come desktop, finally!

Sono quasi dieci anni che aspettavo questo momento, l’ora è giunta di salutare windows come desktop da lavoro.

Uno dei motivi che mi ha sempre costretto a mantenere windows sul pc da lavoro è stato Toad, software che uso da anni e non saprei veramente farne a meno come IDE per sviluppo su DB Oracle. Finalmente ho trovato una validissima alternativa. Aquafold Data Studio, un software veramente scritto bene, finalmente qualcuno decide di fornire software di qualità in ambiente linux e non le solite GUI inguardabili, file di configurazione che sembrano più rumore di trasmissione che qualcosa scritto da umani, stabilità opinabile e via dicendo, tutto perché solitamente questo genere di software è scritto da programmatori e per programmatori. Finalmente il trend inizia a cambiare. Continue reading Linux in ufficio come desktop, finally!

Desktop Linux: Morto?

Mi è capitato di leggere un articolo di Miguel de Icaza [Wikipedia], come dire non proprio l’ultimo arrivato, dal forte titolo “What killed the Linux desktop”. Già dal titolo si capisce che Miguel dà per morto il pinguino su desktop, asserzione che tra l’altro mi trova d’accordo, un po’ meno le motivazioni. Continue reading Desktop Linux: Morto?

Asus K52F + Ubuntu 12.04, come sistemare le (pochissime) magagne

Aggiornato da 11.10 a 12.04, come nel caso precedente rimangono tre cose da sistemare in modo semplicissimo e rimando direttamente al topic appropriato. [ubuntu forums]

Suggerisco di fare tutto a mano invece che dal pacchetto linkato nel topic, un po’ di terminale non fa mai male. 🙂

Java, Sun, Oracle, Canonical, solita stronzata

In data ancora da destinarsi il Sun JDK/JRE verrà rimosso. La motivazione è presto detta, Oracle ha semplicemente ritirato la licenza di distribuzione per il Sun(Oracle) JDK, rendendo de facto OpenJDK come standard. Canonical è andata un po’ oltre e, attraverso un pacchetto di aggiornamento vuoto, rimuoverà eventuali Sun JDK presenti nel sistema. O si installa OpenJDK oppure si installa manualmente la Sun JDK. L’annuncio ufficiale è qui, le motivazioni mi sembrano valide per sistemi desktop, un po’ meno valide per sistemi server che difficilemente avranno un browser con il plugin java installato.

Il problema è che molte cose ancora non girano bene con OpenJDK, ad esempio i più diffusi application server come JBoss, ed in misura minore Glassfish. Se avete quindi dei server con tali piattaforme su release ubuntu server vi consiglio caldamente, fin da ora, di rimuovere i pacchetti canonical partner e procedere all’installazione manuale del JDK.

Asus K52F + Ubuntu 11.10, come sistemare le (poche) magagne

Come per la 10.10 e poi 11.04 ci sono alcuni problemi minori con l’ultima release di Ubuntu e l’Asus K52F. La differenza è che a questo giro ci sarà veramente poco da smanettare per avere subito un sistema funzionante al 100%.

La prima cosa da sistemare è il suspend, che blocca il sistema, cominciamo creando gli script opportuni:
> sudo gedit /etc/pm/sleep.d/20_custom-ehci_hcd

#!/bin/sh
# File: "/etc/pm/sleep.d/20_custom-ehci_hcd".
case "${1}" in
        hibernate|suspend)
              # Unbind ehci_hcd for first device 0000:00:1a.0:
               echo -n "0000:00:1a.0" | tee /sys/bus/pci/drivers/ehci_hcd/unbind
              # Unbind ehci_hcd for second device 0000:00:1d.0:
               echo -n "0000:00:1d.0" | tee /sys/bus/pci/drivers/ehci_hcd/unbind
        ;;
        resume|thaw)
              # Bind ehci_hcd for first device 0000:00:1a.0:
              echo -n "0000:00:1a.0" | tee /sys/bus/pci/drivers/ehci_hcd/bind
              # Bind ehci_hcd for second device 0000:00:1d.0:
              echo -n "0000:00:1d.0" | tee /sys/bus/pci/drivers/ehci_hcd/bind
        ;;
esac

> sudo chmod +x /etc/pm/sleep.d/20_custom-ehci_hcd

Continue reading Asus K52F + Ubuntu 11.10, come sistemare le (poche) magagne

Canon Pixma su Ubuntu, versione facile per essere umani

Fino a poco tempo fa installare la mia Canon MP560 su Ubuntu era un dolore, si trattava di ricompilare alcuni driver, forzare l’archittetura 32bit e incrociare le dita. Per fortuna qualcuno ci ha pensato con metodo rapido ed indolore.
sudo add-apt-repository ppa:michael-gruz/canon
sudo apt-get update

Successivamente basta installare il driver apposito tra tutti quelli disponibili, nel mio caso:
apt-get install cnijfilter-mp560series

Infine non resta che collegarsi via browser a CUPS (http://localhost:631) e aggiungere la stampante.

Gnome3, Unity, ergonomia un cazzo

Meno male che il narvalo elegante di 11.04 è andato via. In tutta onestà non ne vedevo l’ora, credo la peggiore release fino ad oggi, se la gioca con il koala karmico. Il problema peggiore è stato senza dubbio Unity. Credo, in tutta sincerità, che Unity sia uno dei peggiori capolavori in fatto di ergonomia che io abbia mai visto, andiamo per ordine:

Continue reading Gnome3, Unity, ergonomia un cazzo

Ubuntu 11.10 è uscita, in Italia non fa notizia

Canonical ha rilasciato 11.10 Oneiric Ocelot al pubblico. In Italia, nessuno dei maggiori siti di ICT si è occupato in modo adeguato della nuova release.

Punto Informatico, che ho smesso di seguire da tempo, non ha prodotto nemmeno una notizia breve ha pubblicato mezza paginetta di un articolo che sembra un comunicato stampa, Hardware Upgrade addirittura la definisce “una versione poco interessante dal punto di vista delle novità”, nonostante il passaggio al kernel 3.0, il supporto per processori ARM, GTK3, il miglioramento di Unity (che in effetti poteva solo migliorare…) e la compatibilità con Gnome 3 a distanza di un click, in effetti è poca roba, in compenso c’è in Primo Piano un tele obiettivo per iPhone 4, sigh. Tom’s Hardware le dedica una mezza paginata senza dettagliare quasi niente.

Questo è emblematico dello stato in cui tergiversa la disciplina informatica in Italia. Un popolo fatto di cosologi ed esperti in gadget all’ultimo grido di orrore, ma senza nessuna dimestichezza con la tecnologia che sta rivoluzionando il mondo da decenni.

Così crescono le nuove generazioni di professionisti ICT, tra recensioni di gadget che durano pochi mesi, una discussione di stampo calcistico Apple vs Microsoft, tanti piccoli Aranzulla insomma.